L’innovazione dei trasporti passa per l’Italia

E’ da due anni che Silvio Berlusconi ha un solo chiodo fisso in mente: tornare al governo del Paese per riproporre il suo grande progetto di innovazione dei trasporti nazionali, a cominciare dalla Tav e dal ponte sullo Stretto. E adesso che ha ripreso possesso delle chiavi di palazzo Chigi, il Cavaliere è disposto a passare sopra tutto e tutti pur di terminare il suo disegno. Lo si è capito sin dalla campagna elettorale: l’affaire Alitalia lo ha praticamente tenuto impegnato giorno e notte. In prima battuta per evitare che la compagnia di bandiera fosse svenduta ai francesi, quindi per risolvere la questione dall’interno. Il prestito ponte (che altro non è che una ricapitalizzazione del capitale a fondo perduto) è servito per tamponare lo stato di crisi, prendendo ancora un po’ di tempo necessario a concludere la trattativa con la cordata italiana e, magari, d’intesa con Aeroflot, la compagnia russa tanto cara all’amico Vladimir Putin. Senza dimenticare che, abbandonata l’ipotesi francese, l’intervento statale (continua)

1 Commento

Archiviato in Articoli

Una risposta a “L’innovazione dei trasporti passa per l’Italia

  1. janejacobs

    Intanto gli Italiani hanno sborsato €300 milioni per tenere in vita un’azienda zombie che avrebbe dovuto fallire almeno 20 anni fa. Se questo e’ il liberismo di Berlusconi, speriamo che cambi presto ideologia!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...