L’innovazione dei trasporti passa per l’Italia

E’ da due anni che Silvio Berlusconi ha un solo chiodo fisso in mente: tornare al governo del Paese per riproporre il suo grande progetto di innovazione dei trasporti nazionali, a cominciare dalla Tav e dal ponte sullo Stretto. E adesso che ha ripreso possesso delle chiavi di palazzo Chigi, il Cavaliere è disposto a passare sopra tutto e tutti pur di terminare il suo disegno. Lo si è capito sin dalla campagna elettorale: l’affaire Alitalia lo ha praticamente tenuto impegnato giorno e notte. In prima battuta per evitare che la compagnia di bandiera fosse svenduta ai francesi, quindi per risolvere la questione dall’interno. Il prestito ponte (che altro non è che una ricapitalizzazione del capitale a fondo perduto) è servito per tamponare lo stato di crisi, prendendo ancora un po’ di tempo necessario a concludere la trattativa con la cordata italiana e, magari, d’intesa con Aeroflot, la compagnia russa tanto cara all’amico Vladimir Putin. Senza dimenticare che, abbandonata l’ipotesi francese, l’intervento statale (continua)

Advertisements

1 Commento

Archiviato in Articoli

Una risposta a “L’innovazione dei trasporti passa per l’Italia

  1. janejacobs

    Intanto gli Italiani hanno sborsato €300 milioni per tenere in vita un’azienda zombie che avrebbe dovuto fallire almeno 20 anni fa. Se questo e’ il liberismo di Berlusconi, speriamo che cambi presto ideologia!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...