No al carbone

Gli attivisti di Greenpeace sono entrati all’interno dell’impianto carbonifero di Brindisi e hanno aperto striscioni sia sul tetto della centrale, che sul grande carbonile all’aperto. Il banner più grande – 500 mq di striscione – è stato posto accanto al logo dell’Enel con la scritta “1st climate killer in Italy”. Quella di oggi è un’azione di portata internazionale: oltre agli attivisti italiani hanno partecipato quindici volontari provenienti da Canada, Svizzera e Gran Bretagna. Per una volta anche noi sosteniamo Greenpeace e gridiamo forte: SI’ AL NUCLEARE!

Lascia un commento

Archiviato in Articoli

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...